L'omaggio ad Italo Tibaldi, al suo lavoro di ricercatore scrupoloso dei trasporti nei campi di sterminio e alla sua figura di "testimone di pace", come lui sempre si definiva, ha vissuto la sua prima intensa giornata a Valchiusa, già Vico Canavese, il paese dove ha scelto di vivere e lavorare. Due i momenti istituzionali che abbiamo documentato. Il primo è stata la intitolazione del Salone Pluriuso del Comune che adesso ci chiama "Salone Italo Tibaldi". Il secondo è stata la commemorazione ufficiale nel salone comunale con la partecipazione da parte di Aned e con la presentazione ufficiale da parte di Poste Italiane di uno splendido Francobollo a lui dedicato, che abbiamo richiesto e fortemente voluto come associazione. Sono stati i primi due momenti ufficiali, ma non saranno gli unici, perchè il ricordo di Italo Tibaldi lo affideremo anche al nostro documentario "42307: i Compagni di Viaggio", che esordirà ufficialmente nei giorni del suo duplice compleanno, quello della nascita e quello della liberazione del Campo di Mauthausen.

francobollo Italo.jpg

Questo il francobollo dedicato ad Italo Tibaldi

Sotto: i due momenti istituzionali a Valchiusa (Vico) 

E in attesa dei nuovi eventi, un assaggio del "montato di sceneggiatura" del documentario "42307: i Compagni di Viaggio", e il servizio che la testata giornalistica nazionale Tg1 ha dedicato a questo primo evento del ricordo di Italo Tibaldi.

A sinistra:

alcuni spezzoni

del montato

di sceneggiatura 

del documentario.

A destra:

il servizio

che la testa

nazionale del TG1

ha dedicato all'evento

A Valchiusa (in quel di Vico Canavese) il primo atto del ricordo di Italo Tibaldi: il francobollo