La Memoria vive se ha la linfa per nutrirsi

La Memoria Viva è il progetto di una Associazione no profit costituita appositamente per portare avanti senza condizionamenti e/o censure il lavoro svolto da ragazze e ragazzi nelle scuole, lungo un percorso di presa di coscienza della Storia recente indagata a 360 gradi.

Un progetto può contare su molti e importanti Patrocini ma non ha altre forme di finanziamento se non le donazioni, di sponsor privati o di enti o fondazioni, e solo con l'aiuto di tutti potrà proseguire negli anni per cercare di fare in modo che i giovani ritrovino la voglia di studiare, capire e agire per un modello sociale che comprenda le differenze e le trasformi in ricchezza per tutti senza farne motivo di conflitti di qualsiasi genere.

Grazie quindi a voi se vorrete dare il vostro sostegno

Le news

Ecco i pensieri che Lavinia, Viola, Dario e Luca, accompagnati dalla professoressa Monica Marchetti, hanno letto e poi lasciato sul binario del Campo di Auschwitz-Birkenau assieme a quelli dei loro compagni.

Le Pillole

La storia di Tadeusz Pankiewicz, farmacista cattolico del ghetto di Cracovia, è una delle meno conosciute, eppure lui, Giusto fra le Nazioni, è stato uno dei più importanti testimoni degli orrori del nazismo nella sua città e con la sua opera ha salvato molti ebrei.

Le immagini della cerimonia di inaugurazione della mostra "Dal Canavese a Cracovia" presso l'Istituto Italiano di Cultura di Cracovia.

Al docente di Filosofia del diritto dell’Università di Siena, nazista e antisemita, noi rispondiamo così: con l’omaggio a Leopold Kozlowski, il musicista del ghetto, fatto dal suo gruppo e dalla figlia per noi all’indomani della sua scomparsa.

con il Patrocinio di 

regione.jpg
consiglio.jpg
metropoli.jpg
cracovia-grande.jpg
olivetti-grande.jpg
Castellamonte grande.png
rivarolo grande.jpg

e il contributo di

libro-fiori-grande.jpg
margherita 1.jpg

© 2019 - La Tv di Torino e Canavese